Porco Settembre

Sportello in Movimento

Da circa 4 anni, oltre al nostro presidio cittadino del mercoledì, portiamo avanti un’attività settimanale di Sportello mobile, che quest’anno abbiamo strutturato in maniera tale da essere presenti sia negli insediamenti informali della Sicilia Occidentale – o nei comuni in cui si svolge prevalentemente un tipo di lavoro agricolo che richiede ingente manodopera stagionale – sia nei pressi dei centri di accoglienza di primo e secondo livello, in particolare per donne e nuclei familiari delle province di Palermo e Trapani. Il nostro obiettivo è… [continua a leggere]

 

Il 30 Settembre, giornata di lotta e di rivendicazioni

30.9.23 Manifestazione a Campobello di Mazara

Il 30 settembre è l’anniversario della morte di Omar Baldeh ma non solo, anche quello di Ousman Diallo e tante altre vittime morte a causa di una catena di sfruttamento della terra e delle persone che avviene ogni giorno nelle campagne. Durante quella giornata è stato organizzato un corteo che ha coinvolto diverse reti solidali da Palermo e Partinico a Campobello. È partito dal centro ed è arrivato fino a Fontane d’Oro per ribadire, ancora una volta, che serve ed è urgente l’attuazione di pratiche politiche che garantiscano soluzioni abitative idonee per lavoratori e lavoratrici stagionali e una piena assunzione di responsabilità da parte dalle istituzioni …

Continua a leggere qui

 

Per un Mediterraneo libero e un’antimafia sociale

29.9.23 Manifestazione “I criminali organizzati siete voi”

Venerdì 29 siamo statə in corteo dal porto fino al carcere Ucciardone, per rivendicare la libertà di movimento e i diritti delle persone migranti. A due passi da noi, nascosti dentro l’aula bunker, i ministri del governo Piantedosi e Nordio hanno incontrato rappresentanti dell’Onu e le delegazioni da tutto il mondo per discutere su altri accordi contro l’immigrazione e la solidarietà. Insieme a noi c’erano centinaia di persone che lottano ogni giorno davvero contro le mafie, nel modo migliore che questa città conosce: gli sportelli di ascolto, i doposcuola, le vertenze sindacali, la cura degli spazi e la difesa di diritti e libertà di tutte e tutti … [continua a leggere]

 

Captain Support

Tra il sette e l’otto settembre, Palermo ha ospitato una serie di incontri sul tema della criminalizzazione del favoreggiamento dell’immigrazione irregolare. Ad organizzarlo è stata la rete transnazionale Captain Support, nata per sostenere persone migranti incarcerate al loro arrivo in Italia, in collaborazione con la Iuventa Crew – l’equipaggio dell’omonima nave ONG sequestrata nel 2017 che da anni porta avanti una campagna per la libertà di movimento incardinata sul loro processo – con lo European Center for Constitutional and Human Rights (ECCHR) e con Amnesty International. Qui, persone da diversi contesti, prospettive di lotta e paesi europei si sono incontrate per discutere punti importanti per i prossimi passi di contestazione … [continua a leggere]

 

La cura collettiva può essere un rito?

Immagine a cura di Maghweb

Tra la timidezza e lo slancio del gioco, si vedono mani che producono suoni, corpi che si muovono nello spazio e voci che si sovrappongono, sussurrando o scandendo a bocca decisa, versi di tenerezza radicale …  [continua qui]

 

Ogni maledetta estate

Ogni anno in Sicilia migliaia di ettari di territori boschivi (e non) vanno a fuoco; il periodo estivo è quello in cui si concentrano la maggior parte degli incendi. Il fenomeno, seppur prevedibile e quasi atteso con rassegnazione dalla popolazione e dalle istituzioni, continua a ripresentarsi senza che si trovino soluzioni in grado di prevenirlo o arginarlo …  [continua qui]

 

 

Per iscriverti alla nostra Porca Newsletter clicca qui!

Articoli correlati

Dal mare al carcere: Confini senza fine

Progetto ‘Dal mare al carcere’, 1° Report trimestrale 2024 — 1. Contesto e dati — 2. La pena pecuniaria — 3. Alcuni processi in corso — 4. La rete transnazionale. Il 2024 procede lungo una traiettoria prevedibile: il governo Meloni professa a chiunque ascolti la chiusura dei confini e la criminalizzazione del favoreggiamento della libertà di movimento.

La Cassetta pedagogica di A.M.E.

Durante l’ultimo anno abbiamo ha portato avanti, insieme alle associazioni francesi Camera Lucida e Otratierra, un progetto europeo nel quadro del programma Erasmus+ da titolo